Ian Wood/Flickr

Deserti ingiusti

BERKELEY – La migliore recensione di Il capitale nel XXI secolo di Thomas Piketty che ho letto sinora è quella pubblicata dal mio amico e spesso co-autore Lawrence Summers in Democracy Journal di Michael Tomasky. Mi accingo a leggere il resto ora.

Ancora qui? Non hai voglia di leggere 5.000 parole? Sarebbe tempo ben speso, te lo garantisco. Ma se sei ancora qui, non ti offrirò né una sinopsi né una sintesi, quanto piuttosto un breve approfondimento di un’informazione minore, di un inciso della recensione di Summers sulla filosofia morale.

“Ci sarebbe molto da criticare negli esistenti accordi sulla governance societaria”, scrive Summers. “Penso, tuttavia, che quelli come Piketty che rifiutano l’idea secondo cui la produttività non ha nulla a che fare con i compensi dovrebbero farci riflettere”. Perché? “I dirigenti che guadagnano di più non stanno ...gestendo società pubbliche” e “riempiendo i consigli di amministrazione con gli amici”, afferma Summers. Vengono invece “scelti da aziende private per gestire le società che controllano. Non si intende in alcun modo giustificare moralmente gli enormi compensi, ma solamente sollevare una questione sulle forze economiche che li generano”.

To continue reading, please log in or enter your email address.

To read this article from our archive, please log in or register now. After entering your email, you'll have access to two free articles from our archive every month. For unlimited access to Project Syndicate, subscribe now.

required

By proceeding, you agree to our Terms of Service and Privacy Policy, which describes the personal data we collect and how we use it.

Log in

http://prosyn.org/15aOHL0/it;

Cookies and Privacy

We use cookies to improve your experience on our website. To find out more, read our updated cookie policy and privacy policy.