L’ascesa dei robot

BERKELEY – Per decenni gli esperti hanno fatto pronostici sull’impatto che lo sviluppo dell’informatica avanzata e delle tecnologie robotiche avrebbe avuto sulle nostre vite. Da una parte ci sono coloro che hanno sempre messo in guardia rispetto alla sostituzione degli esseri umani da parte dei robot nel settore economico con la conseguente eliminazione delle fonti di reddito in particolar modo per i lavoratori meno qualificati. Dall’altra parte molti guardano invece alle enormi opportunità economiche che potrebbero emergere grazie ai robot, come, ad esempio, un’eventuale miglioramento della produttività e la copertura per i posti di lavoro poco desiderabili. L’investitore Peter Thiel, che si è unito recentemente al dibattito, appartiene al secondo gruppo ed è convinto che i robot ci aiuteranno ad evitare prezzi elevati e stipendi bassi.

Individuare quale dei due gruppi ha ragione richiede, innanzitutto, una comprensione dei sei elementi con cui gli esseri umani sono riusciti a creare valore aggiunto nel corso della storia: gambe, mani, bocca, cervello, sorriso e mente. Le nostre gambe ed altri muscoli importanti sono infatti in grado di spostare le cose in base alle necessità, le mani possono raggrupparle secondo modelli utili, mentre il cervello regola le attività di routine tenendo sotto controllo il lavoro delle gambe e delle mani. La bocca e le parole, sia scritte che orali, ci permettono di informare gli altri e di intrattenerci a vicenda. Il sorriso ci aiuta invece a creare un legame con gli altri incoraggiandoli ad andare nella nostra stessa direzione. Infine, la mente, ovvero la curosità e la creatività, individuano e risolvono sfide importanti ed interessanti.

Thiel, da parte sua, rifiuta l’argomentazione, spesso sostenuta dagli scettici della robotica, secondo cui l’impatto dell’intelligenza artificiale e della robotica avanzata sulla forza lavoro sarebbe simile all’impatto della globalizzazione sui lavoratori dei paesi avanzati. La globalizzazione ha colpito i lavoratori meno qualificati in paesi come gli Stati Uniti in quanto ha permesso ai lavoratori di paesi lontani di entrare in competizione per le posizioni di manovalanza nella divisione del lavoro globale. Dato che questi nuovi competitori richiedono stipendi più bassi, hanno spesso rappresentato la scelta più ovvia per molte aziende.

To continue reading, please log in or enter your email address.

Registration is quick and easy and requires only your email address. If you already have an account with us, please log in. Or subscribe now for unlimited access.

required

Log in

http://prosyn.org/CxqNH5n/it;
  1. Chris J Ratcliffe/Getty Images

    The Brexit Surrender

    European Union leaders meeting in Brussels have given the go-ahead to talks with Britain on post-Brexit trade relations. But, as European Council President Donald Tusk has said, the most difficult challenge – forging a workable deal that secures broad political support on both sides – still lies ahead.

  2. The Great US Tax Debate

    ROBERT J. BARRO vs. JASON FURMAN & LAWRENCE H. SUMMERS on the impact of the GOP tax  overhaul.


    • Congressional Republicans are finalizing a tax-reform package that will reshape the business environment by lowering the corporate-tax rate and overhauling deductions. 

    • But will the plan's far-reaching changes provide the boost to investment and growth that its backers promise?


    ROBERT J. BARRO | How US Corporate Tax Reform Will Boost Growth

    JASON FURMAN & LAWRENCE H. SUMMERS | Robert Barro's Tax Reform Advocacy: A Response

  3. Murdoch's Last Stand?

    Rupert Murdoch’s sale of 21st Century Fox’s entertainment assets to Disney for $66 billion may mark the end of the media mogul’s career, which will long be remembered for its corrosive effect on democratic discourse on both sides of the Atlantic. 

    From enabling the rise of Donald Trump to hacking the telephone of a murdered British schoolgirl, Murdoch’s media empire has staked its success on stoking populist rage.

  4. Bank of England Leon Neal/Getty Images

    The Dangerous Delusion of Price Stability

    Since the hyperinflation of the 1970s, which central banks were right to combat by whatever means necessary, maintaining positive but low inflation has become a monetary-policy obsession. But, because the world economy has changed dramatically since then, central bankers have started to miss the monetary-policy forest for the trees.

  5. Harvard’s Jeffrey Frankel Measures the GOP’s Tax Plan

    Jeffrey Frankel, a professor at Harvard University’s Kennedy School of Government and a former member of President Bill Clinton’s Council of Economic Advisers, outlines the five criteria he uses to judge the efficacy of tax reform efforts. And in his view, the US Republicans’ most recent offering fails miserably.

  6. A box containing viles of human embryonic Stem Cell cultures Sandy Huffaker/Getty Images

    The Holy Grail of Genetic Engineering

    CRISPR-Cas – a gene-editing technique that is far more precise and efficient than any that has come before it – is poised to change the world. But ensuring that those changes are positive – helping to fight tumors and mosquito-borne illnesses, for example – will require scientists to apply the utmost caution.

  7. The Year Ahead 2018

    The world’s leading thinkers and policymakers examine what’s come apart in the past year, and anticipate what will define the year ahead.

    Order now