Lo Strano Caso Della Iniquità Americana

BERKELEY – A meno di imprevisti, nel 2014 il livello del PIL reale pro capite degli Stati Uniti raggiungerà e supererà il livello del 2007. Questa non è una buona notizia.

Per capire perché, si consideri che durante i due cicli economici che hanno preceduto la crisi del 2007 il PIL reale pro capite dell’economia americana è cresciuto ad un ritmo medio annuo del 2%; anzi, il PIL è cresciuto a quel tasso per un secolo o giù di lì. Quindi il prodotto americano è oggi dopo sette anni al di sotto -del 14%- del livello che era stato ragionevolmente previsto nel 2007. E non c’è nulla all’orizzonte che possa riportare l’economia degli Stati Uniti a livelli anche prossimi al suo percorso di crescita antecedente all’esplosione della crisi finanziaria del 2008. L’unica consolazione -invero desolante- è che l’Europa e il Giappone vanno molto peggio rispetto alla soglia di riferimento del 2007.

Il calo di prestazione pro capite annuale dell’economia statunitense nel 2014 sarà quindi pari a 9 mila dollari. Ovvero 9 mila dollari a persona all’anno in beni di consumo durevoli non acquistati, vacanze non godute, investimenti non fatti, e così via. Entro la fine del 2014, la perdita cumulativa pro capite dovuta alla crisi e alle sue conseguenze darà un totale di circa 60 mila dollari.

To continue reading, please log in or enter your email address.

To read this article from our archive, please log in or register now. After entering your email, you'll have access to two free articles every month. For unlimited access to Project Syndicate, subscribe now.

required

By proceeding, you agree to our Terms of Service and Privacy Policy, which describes the personal data we collect and how we use it.

Log in

http://prosyn.org/ww3ORjg/it;

Cookies and Privacy

We use cookies to improve your experience on our website. To find out more, read our updated cookie policy and privacy policy.