Man walks down the people mover in an airport Getty Images

Sempre più italiani voteranno con i “piedi”?

MILANO – L’inconcludente voto del 4 marzo, con la sua chiara deriva populista, porterà a un prolungato periodo di stallo politico, congelando l'adozione di quelle riforme strutturali di cui l’Italia  ha tanto bisogno. Ma lo stallo, e la relativa percezione che il paese non sia disposto a cambiare, potrebbe avere un altro effetto deleterio. Fornirà un ulteriore pretesto per i migliori talenti italiani ad andare all'estero, aggravando una tendenza che ha afflitto il paese per oltre un decennio.

Dal 2007 quasi 1,5 milioni di italiani hanno lasciato il paese, unendosi ad oltre quattro milioni di altri espatriati. Per comprendere la gravità della situazione, questi numeri implicano che circa l'8% della popolazione italiana risiede attualmente all'estero. Ma il numero potrebbe essere più elevato. Non è inusuale per gli espatriati italiani non dichiarare alle autorità nazionali la loro residenza effettiva per preservare l’accesso a benefici come l'assistenza sanitaria gratuita.

Circa un terzo di questi emigrati è laureato. Molti sono professionisti altamente qualificati che lavorano in finanza, consulenza, accademia o architettura. E innumerevoli sono le storie di imprenditori italiani che hanno fondato aziende di successo nelle Silicon Valley del mondo.

To continue reading, please log in or enter your email address.

To read this article from our archive, please log in or register now. After entering your email, you'll have access to two free articles from our archive every month. For unlimited access to Project Syndicate, subscribe now.

required

By proceeding, you agree to our Terms of Service and Privacy Policy, which describes the personal data we collect and how we use it.

Log in

http://prosyn.org/UNOoRvm/it;

Handpicked to read next

Cookies and Privacy

We use cookies to improve your experience on our website. To find out more, read our updated cookie policy and privacy policy.