Saudi Stock Exchange Fayez Nureldine/Getty Images

Finanza islamica per uno sviluppo sostenibile

WASHINGTON, DC – Circa un terzo delle persone che vivono in condizioni di povertà estrema in tutto il mondo è concentrato negli stati membri dell’Organizzazione della cooperazione islamica (OIC). In 21 di questi 57 paesi, meno della metà della popolazione ha accesso a servizi igienico-sanitari adeguati, e il 4 percento dei bambini muore prima di compiere i cinque anni di età.

Detto in parole semplici, malgrado il loro elevato potenziale, molti paesi dell’area OIC fanno fatica a promuovere uno sviluppo su ampia scala. Per alcuni di essi, il problema riguarda la famigerata “maledizione delle risorse”; per altri, invece, la responsabilità va ascritta a una leadership debole e al fallimento delle istituzioni. Non aiuta, poi, il fatto che la stragrande maggioranza (circa il 71 percento) dei 125 milioni di persone colpite da conflitti e disastri naturali risieda in quest’area. Di fatto, l’instabilità grava pesantemente sui bilanci nazionali.

Questi paesi, tuttavia, hanno delle alternative. In particolare, il capitale che si è andato accumulando in alcuni sistemi finanziari dell’area OIC potrebbe svolgere un ruolo determinante nell’aiutarli a realizzare i propri obiettivi di sviluppo, specialmente se si saprà sfruttare appieno il potenziale della finanza islamica.

To continue reading, please log in or enter your email address.

To access our archive, please log in or register now and read two articles from our archive every month for free. For unlimited access to our archive, as well as to the unrivaled analysis of PS On Point, subscribe now.

required

By proceeding, you agree to our Terms of Service and Privacy Policy, which describes the personal data we collect and how we use it.

Log in

http://prosyn.org/rU3awJd/it;

Cookies and Privacy

We use cookies to improve your experience on our website. To find out more, read our updated cookie policy and privacy policy.