Cina: salari bassi addio?

PECHINO – Negli ultimi tempi i giornali abbondano di notizie relative alla penuria di manodopera, alle rivendicazioni salariali ed agli aumenti di stipendio per i lavoratori migranti in Cina – notizie che naturalmente destano preoccupazione, o prospettano una possibile fine in Cina dei benefici legati al basso costo della manodopera.

Mi auguro davvero che il vantaggio comparato della Cina in quanto produttrice a basso costo scompaia – prima avviene, meglio è. Perché io, un economista cinese, dovrei quindi desiderare una riduzione della competitività cinese e un aumento dei costi della manodopera? Dopotutto, quando un paese è carente in reali benefici come maggiore istruzione, mercati ed aziende efficienti, e non è in grado di innovarsi, necessita di qualcosa come i salari bassi per mantenere la crescita.

Pur rappresentando un fattore chiave di elevata crescita negli ultimi tre decenni, la manodopera a basso costo ha anche contribuito a generare profonde disparità di reddito, soprattutto negli ultimi anni. E un’ineguaglianza persistente e diffusa potrebbe causare crisi sociali volte a interrompere la crescita e a danneggiare la competitività. La Cina deve evitare questo scenario, e qualora vi sia un aumento significativo dei salari, questo starebbe a indicare che l’economia potrebbe finalmente raggiungere la fase successiva dello sviluppo, che prevede la riduzione delle disparità di reddito.

To continue reading, please log in or enter your email address.

Registration is quick and easy and requires only your email address. If you already have an account with us, please log in. Or subscribe now for unlimited access.

required

Log in

http://prosyn.org/NYdRtAl/it;