P5+1 leaders Iran nuclear deal Prensa Internacional/ZumaPress

Il Futuro dell’Accordo sul Nucleare Iraniano

NEW YORK – “Tra il dire e fare c’è di mezzo il mare”, recita un vecchio proverbio. Qualcosa che apparentemente sembra risolto e certo in effetti non lo è. Se tale espressione non esiste in Farsi, prevedo che presto ne apparirà una simile.

Il motivo, ovviamente, è il trattato “Parametri per un Piano Congiunto d’Asione Globale Riguardo al Programma Nucleare della Rupubblica Islamica Iraniana”, l’accordo quadro appena adottato da Iran e P5 + 1 (i cinque membri permanenti del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite – Cina, Gran Bretagna, Francia, Russia, e Stati Uniti – più Germania). L’accordo costituisce un importante traguardo politico e diplomatico, che peraltro contiene maggiori dettagli ed una più ampia portata rispetto a quanto molti avevano previsto.

Nonostante tutto ciò, il testo lascia senza risposta almeno tante domande quante ne risolve. In realtà – e le prossime settimane, mesi e anni lo dimostreranno – le principali questioni devono ancora essere superate. È più realistico affermare che il vero dibattito sull’accordo nucleare iraniano sia solo all’inizio.

To continue reading, please log in or enter your email address.

To read this article from our archive, please log in or register now. After entering your email, you'll have access to two free articles every month. For unlimited access to Project Syndicate, subscribe now.

required

By proceeding, you agree to our Terms of Service and Privacy Policy, which describes the personal data we collect and how we use it.

Log in

http://prosyn.org/kf7jz9P/it;

Cookies and Privacy

We use cookies to improve your experience on our website. To find out more, read our updated cookie policy and privacy policy.