Obama announces Iran deal Andrew Harnik/ZumaPress

Dire No ai Signori della Guerra

NEW YORK – L’accordo raggiunto a Vienna per tenere sotto controllo le attività nucleari dell’Iran ha scatenato gli attacchi dei Signori della Guerra. I cittadini di tutto il mondo dovrebbero sostenere il presidente Usa Barack Obama nel suo sforzo coraggioso di batterli con abilità, consapevoli del fatto che i firmatari non sono solo gli Stati Uniti, ma tutti i cinque membri permanenti del Consiglio di sicurezza dell’Onu più la Germania.

Molti dei guerrafondai sono da ricercare all’interno delle stesse agenzie governative di Obama. La maggior parte degli americani fa fatica a riconoscere e comprendere il permanente stato di sicurezza del proprio paese, nel quale i politici eletti sembrano dettare le regole, ma la CIA e il Pentagono spesso ne assumono la direzione – uno stato che di per sé si orienta verso soluzioni militari, invece che verso un approccio diplomatico, per far fronte alle sfide della politica estera.

Dal 1947, quando la CIA è stata istituita, gli Stati Uniti hanno adottato costantemente una politica semi-segreta, semi-palese di rovesciamento dei governi stranieri. In effetti, la CIA è stata progettata per sfuggire ad un effettivo controllo democratico e fornire ai presidenti la possibilità della “negazione plausibile”. Ed essa è andata avanti a rovesciare decine di governi, in tutte le regioni del mondo, senza doverne dare conto là o in patria.

To continue reading, please log in or enter your email address.

To read this article from our archive, please log in or register now. After entering your email, you'll have access to two free articles from our archive every month. For unlimited access to Project Syndicate, subscribe now.

required

By proceeding, you agree to our Terms of Service and Privacy Policy, which describes the personal data we collect and how we use it.

Log in

http://prosyn.org/LEUcO4t/it;

Cookies and Privacy

We use cookies to improve your experience on our website. To find out more, read our updated cookie policy and privacy policy.