nest internet of things faz besharatian/Flickr

Riconsiderare l’Internet delle cose

SAN FRANCISCO – Quasi trent’anni fa, gli economisti Robert Solow e Stephen Roach sollevarono un caso osservando che non vi erano prove del fatto che tutti i miliardi di dollari investiti nella tecnologia informatica apportassero dei benefici in termini di produttività. Le aziende acquistavano decine di milioni di computer ogni anno, e la Microsoft aveva appena immesso sul mercato il primo sistema operativo, facendo guadagnare a Bill Gates il suo primo miliardo. Eppure, secondo quello che poi è stato definito il paradosso della produttività, i dati nazionali evidenziavano che non solo la crescita della produttività non stava accelerando, ma che in realtà stava rallentando. “L’era dei computer è visibile ovunque”, scherzava Solow, “tranne che nei dati sulla produttività”.

Oggi, sembra che ci troviamo in un momento storico simile, ma l’innovazione è un’altra: la tanto reclamizzata Internet delle cose, anche conosciuta con l’acronimo inglese IoT, cioè il collegamento di macchine e oggetti alle reti digitali. Sensori, dispositivi elettronici di localizzazione e altri congegni connessi alla rete implicano che ora il mondo fisico può essere digitalizzato, monitorato, misurato e ottimizzato. Come è avvenuto con i computer in passato, le possibilità sembrano infinite, le previsioni sono state finora esagerate, e i dati devono ancora dimostrare un aumento della produttività. Un anno fa, la società di consulenza Gartner ha messo l’Internet delle cose in cima al suo Ciclo di hype delle tecnologie emergenti.

Poiché vengono sollevati sempre più dubbi sulla rivoluzione dell’IoT in relazione alla produttività, è utile ricordare cosa accadde quando Solow e Roach definirono il paradosso della produttività del computer. Per cominciare, va notato che i leader aziendali ignorarono il paradosso della produttività, insistendo che invece stavano osservando dei miglioramenti nella qualità e nella velocità delle operazioni e dei processi decisionali. Gli investimenti nell’informatica e nella tecnologia delle comunicazioni continuarono a crescere, anche in assenza di un riscontro macroeconomico dei loro rendimenti.

To continue reading, please log in or enter your email address.

Registration is quick and easy and requires only your email address. If you already have an account with us, please log in. Or subscribe now for unlimited access.

required

Log in

http://prosyn.org/nNZjQQz/it;
  1. Sean Gallup/Getty Images

    Angela Merkel’s Endgame?

    The collapse of coalition negotiations has left German Chancellor Angela Merkel facing a stark choice between forming a minority government or calling for a new election. But would a minority government necessarily be as bad as Germans have traditionally thought?

  2. Trump Trade speech Bill Pugliano/Getty Images .

    Preparing for the Trump Trade Wars

    In the first 11 months of his presidency, Donald Trump has failed to back up his words – or tweets – with action on a variety of fronts. But the rest of the world's governments, and particularly those in Asia and Europe, would be mistaken to assume that he won't follow through on his promised "America First" trade agenda.

  3. A GrabBike rider uses his mobile phone Bay Ismoyo/Getty Images

    The Platform Economy

    While developed countries in Europe, North America, and Asia are rapidly aging, emerging economies are predominantly youthful. Nigerian, Indonesian, and Vietnamese young people will shape global work trends at an increasingly rapid pace, bringing to bear their experience in dynamic informal markets on a tech-enabled gig economy.

  4. Trump Mario Tama/Getty Images

    Profiles in Discouragement

    One day, the United States will turn the page on Donald Trump. But, as Americans prepare to observe their Thanksgiving holiday, they should reflect that their country's culture and global standing will never recover fully from the wounds that his presidency is inflicting on them.

  5. Mugabe kisses Grace JEKESAI NJIKIZANA/AFP/Getty Images

    How Women Shape Coups

    In Zimbabwe, as in all coups, much behind-the-scenes plotting continues to take place in the aftermath of the military's overthrow of President Robert Mugabe. But who the eventual winners and losers are may depend, among other things, on the gender of the plotters.

  6. Oil barrels Ahmad Al-Rubaye/Getty Images

    The Abnormality of Oil

    At the 2017 Abu Dhabi Petroleum Exhibition and Conference, the consensus among industry executives was that oil prices will still be around $60 per barrel in November 2018. But there is evidence to suggest that the uptick in global growth and developments in Saudi Arabia will push the price as high as $80 in the meantime.

  7. Israeli soldier Menahem Kahana/Getty Images

    The Saudi Prince’s Dangerous War Games

    Saudi Arabia’s Crown Prince Mohammed bin Salman is working hard to consolidate power and establish his country as the Middle East’s only hegemon. But his efforts – which include an attempt to trigger a war between Israel and Hezbollah in Lebanon – increasingly look like the work of an immature gambler.