La disuguaglianza ai tempi di Internet

BERKELEY – La conclusione secondo cui il livello di disuguaglianza in America sarebbe aumentato negli ultimi 35 anni è senza alcun dubbio vera. Lo schema era evidente sin dal 1979:  più si era ricchi più lo si è diventati, mentre se si era poveri probabilmente lo si è rimasti.

Ma gli stessi anni sono stati anche protagonisti di un rapido cambiamento tecnologico. Gli Stati Uniti stanno ora attraversando la terza rivoluzione industriale, ovvero un picco nell’era dell’informazione che potrebbe essere altrettanto improtante quanto le epoche precedenti che hanno trasformato la società con l’introduzione del vapore, del ferro, del cotone delle macchine e della combustione interna, dell’elettricità e dell’acciaio.

Oggi, quasi tutti i cittadini dei paesi sviluppati, e a breve anche di tutto il resto del mondo, possono facilmente permettersi di comprare uno smartphone avendo accesso, a basso costo, ad un universo di conoscenza umana e di intrattenimento che, fino ad una generazione fa, era ben oltre la portata dei cittadini comuni, tranne i ricchi. E’ possibile quindi che le misure convenzionali di disuguaglianza e di reddito sottovalutino in modo significativo il livello del nostro benessere?

To continue reading, please log in or enter your email address.

To read this article from our archive, please log in or register now. After entering your email, you'll have access to two free articles every month. For unlimited access to Project Syndicate, subscribe now.

required

By proceeding, you agree to our Terms of Service and Privacy Policy, which describes the personal data we collect and how we use it.

Log in

http://prosyn.org/nFD38ol/it;

Cookies and Privacy

We use cookies to improve your experience on our website. To find out more, read our updated cookie policy and privacy policy.