Il processo di integrazione del Maghreb

RABAT – La “rivoluzione del gelsomino” in Tunisia ha messo in luce le conseguenze delle economie stagnanti e della disoccupazione giovanile endemica della regione dei governi autoritari arabi. Un fattore chiave che è invece passato inosservato e che ha comunque contribuito a questo malessere è stata l’incapacità dei paesi del Maghreb (Algeria, Libia, Mauritania, Marocco e Tunisia) di intensificare la loro cooperazione economica.

L’Unione Araba ha infatti stimato che la mancanza di integrazione regionale comporta per ciascun paese un costo pari a due punti percentuali della crescita del PIL. Da parte sua la Commissione Economica per l’Africa ritiene che, qualora esistesse un’Unione del Maghreb, ciascuno dei cinque paesi guadagnerebbe il 5% del PIL. La Banca Mondiale ha a sua volta valutato che una maggiore integrazione, unita ad una liberalizzazione dei servizi e ad un’eventuale riforma delle norme di investimento, avrebbe comportato un aumento del PIL reale pro capite nel periodo compreso tra il 2005 ed il 2015 del 34% per l’Algeria, del 27% per il Marocco e del 24% per la Tunisia.

Questi paesi non possono più permettersi di aspettare. Qualora mantenessero i tassi di crescita registrati negli ultimi cinque anni, ci vorrebbero più di vent’anni per raggiungere il reddito pro capite dei membri meno abbienti dell’OCSE come Messico e Turchia.

To continue reading, please log in or enter your email address.

Registration is quick and easy and requires only your email address. If you already have an account with us, please log in. Or subscribe now for unlimited access.

required

Log in

http://prosyn.org/Z93yJFz/it;