coal factory Nicholas Kamm/AFP/Getty Images

Fermare le Assicurazioni contro i Disastri Climatici

RIPTON, VERMONT – Il mese scorso, il Regno Unito, per la prima volta dall’inizio della rivoluzione industriale, ha potuto godere di un’intera giornata senza il bisogno di energia elettrica a carbone. Si tratta di una notizia notevole – ed un segnale del futuro in arrivo, in quanto il paese che ha dato inizio alla secolare storia d’amore dell’umanità con le rocce nere combustibili, oggi sta andando oltre.

Proprio come il fax ha lasciato il posto alle e-mail e l’olio di balena al kerosene, così il carbone sta cedendo il passo a forme più pulite di energia. E questo passaggio potrebbe avvenire più rapidamente – forse abbastanza da permetterci almeno di rallentare il ritmo dei cambiamenti climatici – se l’ enorme e potente settore assicurativo giocasse la sua parte.

Fornendo copertura assicurativa allo sviluppo della nostra società industriale ed al carbone che l’ha alimentata, il settore assicurativo è stato uno degli attori cruciali ma spesso trascurati della rivoluzione industriale. “Questo è stato reso possibile solo dagli assicuratori”, ha dichiarato Henry Ford, guardando lo skyline di New York: “Senza assicurazioni, non ci sarebbero i grattacieli. Nessun investitore finanzierebbe edifici che un mozzicone di sigaretta potrebbe radere al suolo”.

To continue reading, please log in or enter your email address.

To access our archive, please log in or register now and read two articles from our archive every month for free. For unlimited access to our archive, as well as to the unrivaled analysis of PS On Point, subscribe now.

required

By proceeding, you agree to our Terms of Service and Privacy Policy, which describes the personal data we collect and how we use it.

Log in

http://prosyn.org/QgKMpIO/it;

Cookies and Privacy

We use cookies to improve your experience on our website. To find out more, read our updated cookie policy and privacy policy.