Il successo della Turchia

NEW YORK – Una recente visita in Turchia mi ha ricordato gli enormi successi economici raggiunti da questo Paese nell’ultimo decennio. L’economia è cresciuta rapidamente, la disuguaglianza è in calo e l’innovazione è in ascesa.

I risultati raggiunti dalla Turchia sono tanto più sorprendenti se si considerano i Paesi vicini. Ad occidente, Cipro e Grecia sono l’epicentro della crisi dell’euro. A sudest c’è la Siria, lacerata dalla guerra, che ha già riversato quasi 400.000 rifugiati in Turchia. A est ci sono Iraq e Iran. E a nordest Armenia and Georgia. È difficile trovare nel mondo un altro vicinato più complicato di questo.

Eppure la Turchia ha fatto dei passi notevoli nonostante le rivolte regionali. Dopo una brusca contrazione nel 1999-2001, l’economia è cresciuta del 5% l’anno in media dal 2002 al 2012. È rimasta in un clima di pace, malgrado le guerre regionali. Le sue banche hanno evitato il ciclo boom-bust del decennio passato, avendo appreso la lezione dal collasso bancario del 2000-2001. La disuguaglianza è in calo. E il governo ha vinto tre elezioni generali consecutive, ogni volta con un’alta percentuale di voto popolare.

To continue reading, please log in or enter your email address.

To read this article from our archive, please log in or register now. After entering your email, you'll have access to two free articles every month. For unlimited access to Project Syndicate, subscribe now.

required

By proceeding, you are agreeing to our Terms and Conditions.

Log in

http://prosyn.org/7nMNevR/it;

Cookies and Privacy

We use cookies to improve your experience on our website. To find out more, read our updated cookie policy and privacy policy.