Spettatori innocenti

SANTIAGO – Se di questi tempi prendete un taxi a San Paolo, scoprirete un traffico esasperante e le strade disordinate di una metropoli dei paesi emergenti. Ma quando arriverà il momento di pagare la corsa, vi sembrerà di essere a Boston, Lussemburgo o Zurigo: il valore del real brasiliano, così come le valute di molti mercati emergenti, è elevato e potrebbe crescere ancora.

Le monete forti fanno i paesi forti: questo sosteneva un policymaker americano. Molti esportatori dei paesi emergenti, che lottano per trattenere i clienti nei vacillanti mercati americani ed europei, la pensano diversamente.

Per decenni i paesi in via di sviluppo hanno sognato uno stato di completa beatitudine fatto di prezzi esorbitanti delle commodity e tassi di interesse internazionali bassissimi. Ma i ministri delle finanze di Lima, Bogotà, Pretoria o Giacarta avrebbero forse dovuto fare maggiore attenzione a ciò che desideravano. Il problema? Un’invasione di flussi di capitale a breve termine che fuggono dai paesi avanzati con una crescita lenta e bassi tassi di interesse.

To continue reading, please log in or enter your email address.

Registration is quick and easy and requires only your email address. If you already have an account with us, please log in. Or subscribe now for unlimited access.

required

Log in

http://prosyn.org/5bFEvdI/it;