Angoscia inflazionistica

PRINCETON – Le banche centrali sono in grado di contenere l’inflazione? Una volta si pensava di sì. Negli ultimi vent’anni le banche centrali di tutto il mondo, compresa la Riserva Federale degli Stati Uniti, hanno infatti perseguito una politica mirata alla stabilità dei prezzi con notevole successo. Ora, sulla scia della crisi finanziaria, non solo un’ondata di sfiducia sta invadendo il mondo, ma sta inoltre prendendo piede una nuova e diffusa paura che le banche centrali siano incapaci di controllare l’inflazione.

Negli Stati Uniti, il movimento del Tea Party sostiene il ritorno allo standard dell’oro , mentre lo stato dell’Utah sta pensando di ripristinare le monete in oro e argento come valuta legale. Le preoccupazioni relative all’inflazione da parte della Germania hanno spinto il governo ad assumere una posizione più dura sullo sgravio del debito in Europa, mentre in Cina la paura dell’inflazione sta provocando un sentimento di insoddisfazione su vasta scala.

La paura inflazionistica si percepiva già ancora prima che le nuove sfide del 2011 sollevassero la questione dei prezzi energetici a lungo termine. Se da un lato le proteste a favore della democrazia scuotono i regimi autoritari arabi, dall’altro le prospettive di un conflitto duraturo minacciano un’economia globale ancora dipendente dal petrolio. Tutto questo, mentre il dopo terremoto giapponese e l’incidente nucleare sollevano dubbi sulla sicurezza dell’energia nucleare.

To continue reading, please log in or enter your email address.

To continue reading, please log in or register now. After entering your email, you'll have access to two free articles every month. For unlimited access to Project Syndicate, subscribe now.

required

By proceeding, you are agreeing to our Terms and Conditions.

Log in

http://prosyn.org/23Pf2jL/it;

Cookies and Privacy

We use cookies to improve your experience on our website. To find out more, read our updated cookie policy and privacy policy.