mohieldin27_HoracioVillalobosCorbisviaGettyImages_homelessmanpplwalkingby Horacio Villalobos/Corbis via Getty Images

Il contrasto alla disuguaglianza è una scelta politica

NEW YORK – Il mondo ha fatto enormi passi avanti nella riduzione della povertà estrema, ma negli ultimi anni questi progressi sono rallentati  considerevolmente. Il problema è evidente: per eliminare la povertà bisogna contrastare la disuguaglianza. 

La buona notizia è che la disuguaglianza a livello mondiale è diminuita dal 1990 in parallelo con la riduzione della povertà. La cattiva notizia è tuttavia che la disuguaglianza all’interno dei paesi è aumentata. Rispetto a 25 anni fa è infatti più probabile che una persona media oggi viva in un’economia con maggiori disuguaglianze. Inoltre, oltre al reddito e alla ricchezza, ci sono ancora grandi disparità, tra e all’interno dei paesi, rispetto al cibo e alla nutrizione, alla sanità, all’istruzione, alla proprietà terriera, all’acqua pulita e ad altri elementi che sono essenziali per vivere una vita piena e dignitosa.

Di certo non inevitabile, la disuguaglianza è una scelta politica. I governi che vogliono realmente ridurre il divario in termini di reddito e ricchezza e migliorare le vite e le opportunità dei più poveri hanno dimostrato sia sforzi importanti che progressi. Dal 2015, gli Obiettivi di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite, e in particolar modo l’obiettivo 10, hanno poi veicolato un’attenzione senza precedenti sulla questione.

We hope you're enjoying Project Syndicate.

To continue reading, subscribe now.

Subscribe

or

Register for FREE to access two premium articles per month.

Register

https://prosyn.org/Mu2JoQ5it