Economindia

NUOVA DELHI – Di questi tempi gli economisti vengono assaliti da una serie di dubbi come, ad esempio, quale sia il termine migliore per definire le condizioni economiche globali. “Depressione”,“recessione” oppure “ripresa”? E l’euro? Diventerà sempre più instabile o riuscirà a recuperare?

Mentre dibattiti simili prevalgono nei ministeri delle finanze e nelle direzioni economiche di tutto il mondo, il PIL dell’India continua a mantenere una crescita stabile. In base alle previsioni la crescita dovrebbe raggiungere nel corso di quest’anno il 9,4%, mentre secondo il governo dovrebbe arrivare alla doppia cifra.

Sebbene molti siano ancora stupiti della rapida crescita dell’India protratta per un periodo così lungo e soprattutto in un contesto di recessione globale, non si tratta in realtà di una sorpresa giustificata. Nel 1750 l’India rappresentava il 25% del PIL globale, sebbene abbia in seguito subito un rapido declino fino a raggiungere l’1,6% nel 1900, ovvero nel periodo di massimo splendore dell’imperialismo. Ora l’India si sta, quindi, semplicemente risollevando per riprendersi la sua storica posizione nel contesto globale.

To continue reading, please log in or enter your email address.

To read this article from our archive, please log in or register now. After entering your email, you'll have access to two free articles from our archive every month. For unlimited access to Project Syndicate, subscribe now.

required

By proceeding, you agree to our Terms of Service and Privacy Policy, which describes the personal data we collect and how we use it.

Log in

http://prosyn.org/FeQWGcE/it;

Cookies and Privacy

We use cookies to improve your experience on our website. To find out more, read our updated cookie policy and privacy policy.