Come colmare il divario tecnologico dell’India

MUMBAI – È stranamente ironico che proprio l’India, che produce soluzioni per molti problemi spinosi di information-technology delle maggiori società del mondo, abbia beneficiato poco del progresso tecnologico. Fortunatamente per i cittadini indiani, il primo ministro Narendra Modi intende cambiare le cose.

Il divario tra l’India e la controparte asiatica Cina è notevole. Mentre la Cina ha creato il più grande bazar online del mondo ed è diventata leader mondiale di energia rinnovabile, l’India ha appena iniziato ad esplorare il potenziale dell’e-commerce; l’IT resta ben oltre la portata di milioni di aziende di piccole e medie dimensioni; e la maggior parte dei cittadini restano tagliati fuori dall’economia digitale.

Per dare un’accelerata all’India, il governo di Modi ha annunciato in agosto un’iniziativa digitale nazionale: 1,13 trilioni di rupie (19 miliardi di dollari) in investimenti per portare le comunicazioni a banda larga in 250.000 villaggi, garantire l’accesso mobile universale, espandere i servizi online del governo e consentire la consegna online di ogni sorta di servizio. Inutile dire che ciò gioverà molto alle ambizioni di e-government dell’India.

To continue reading, please log in or enter your email address.

To read this article from our archive, please log in or register now. After entering your email, you'll have access to two free articles every month. For unlimited access to Project Syndicate, subscribe now.

required

By proceeding, you agree to our Terms of Service and Privacy Policy, which describes the personal data we collect and how we use it.

Log in

http://prosyn.org/6ba9qZT/it;

Cookies and Privacy

We use cookies to improve your experience on our website. To find out more, read our updated cookie policy and privacy policy.