Redistribuzione o inclusione?

RIYADH – Il problema della crescente disparità di reddito ha offuscato il Forum economico mondiale 2015 appena conclusosi a Davos. Com'è noto, l'economia degli Stati Uniti è cresciuta in modo significativo negli ultimi tre decenni, mentre il reddito della famiglia media no. L'1% (anzi, lo 0,01%) più benestante della popolazione si è accaparrato la maggior parte dei profitti, una situazione che le società difficilmente potranno tollerare a lungo.

Molti temono che si tratti di un fenomeno globale con cause simili dappertutto, un contetto chiave contenuto nell'acclamato libro di Thomas Piketty Il capitale nel XXI secolo. Ma un'asserzione del genere potrebbe essere pericolosamente fuorviante.

È fondamentale fare una distinzione tra disuguaglianza in termini di produttività tra le imprese e disuguale distribuzione del reddito nelle imprese. La tradizionale battaglia tra lavoro e capitale riguarda perlopiù il secondo, con i lavoratori e i proprietari in lotta per aggiudicarsi la loro fetta di torta. Esiste, però, una disuguaglianza sorprendentemente profonda a livello di produttività delle imprese, che significa che le dimensioni della torta possono variare, e di molto. Ciò vale in modo particolare per i paesi in via di sviluppo, dove è facile riscontrare differenze di produttività di coefficiente dieci a livello provinciale o statale, e molto superiori a livello municipale.

To continue reading, please log in or enter your email address.

To access our archive, please log in or register now and read two articles from our archive every month for free. For unlimited access to our archive, as well as to the unrivaled analysis of PS On Point, subscribe now.

required

By proceeding, you agree to our Terms of Service and Privacy Policy, which describes the personal data we collect and how we use it.

Log in

http://prosyn.org/wrxoCH2/it;

Cookies and Privacy

We use cookies to improve your experience on our website. To find out more, read our updated cookie policy and privacy policy.