Artistic image of paprika foregrounding a newspaper.

Il granaio africano

KIGALI – In occasione della prima celebrazione del Giorno mondiale dell’alimentazione nel 1945, tutto il mondo ha celebrato la creazione dell’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’alimentazione e l’agricoltura (FAO) ed il lancio della prima azione globale coordinata per combattere la fame. Quest’anno, nel corso del settantesimo anniversario della Giornata mondiale dell’alimentazione, i paesi si stanno mobilitando per portare avanti gli obiettivi di sviluppo sostenibile. Uno di questi obiettivi è focalizzato sull’eliminazione della fame e della malnutrizione entro il 2030, insieme alla creazione di un sistema alimentare più resistente e sostenibile. Ma tutto ciò è realizzabile?

Con la rapida crescita della popolazione (le stime parlano di 8,5 miliardi di persone entro il 2030), l’impatto sempre più evidente del cambiamento climatico e la diminuzione dei terreni coltivabili, non si può negare che sarà molto difficile raggiungere questi obiettivi. Ma per l’Africa, che detiene il 60% del terreno coltivabile a livello mondiale ed è già focalizzata sulla diversità dei raccolti a causa del cambiamento climatico, cercare di raggiungere questi obiettivi rappresenta un’opportunità fondamentale sia per garantire la sicurezza alimentare alla popolazione africana (uno su quattro soffre di malnutrizione), sia per incoraggiare l’economia diventando un esportatore di prodotti alimentari.

Anche se molte economie africane hanno registrato una rapida crescita negli ultimi anni, il settore agricolo è rimasto stagnante. L’agricoltura africana è infatti ancora oggi dominata da agricoltori su piccola scala che non hanno accesso alle tecnologie in grado di sostenere la produttività e che si focalizzano principalmente su una gamma limitata di prodotti rimanendo per lo più slegati dai mercati, dall’industria manifatturiera e dai settori più ampi dell’economia. Oltre a mettere in pericolo la sicurezza alimentare (l’Africa rimane uno dei principali importatori di prodotti alimentari), una bassa produttività contribuisce alla persistenza della povertà rurale nonostante il recente sviluppo della classe media in molte città africane.

To continue reading, please log in or enter your email address.

Registration is quick and easy and requires only your email address. If you already have an account with us, please log in. Or subscribe now for unlimited access.

required

Log in

http://prosyn.org/KlUJBjD/it;
  1. An employee works at a chemical fiber weaving company VCG/Getty Images

    China in the Lead?

    For four decades, China has achieved unprecedented economic growth under a centralized, authoritarian political system, far outpacing growth in the Western liberal democracies. So, is Chinese President Xi Jinping right to double down on authoritarianism, and is the “China model” truly a viable rival to Western-style democratic capitalism?

  2. The assembly line at Ford Bill Pugliano/Getty Images

    Whither the Multilateral Trading System?

    The global economy today is dominated by three major players – China, the EU, and the US – with roughly equal trading volumes and limited incentive to fight for the rules-based global trading system. With cooperation unlikely, the world should prepare itself for the erosion of the World Trade Organization.

  3. Donald Trump Saul Loeb/Getty Images

    The Globalization of Our Discontent

    Globalization, which was supposed to benefit developed and developing countries alike, is now reviled almost everywhere, as the political backlash in Europe and the US has shown. The challenge is to minimize the risk that the backlash will intensify, and that starts by understanding – and avoiding – past mistakes.

  4. A general view of the Corn Market in the City of Manchester Christopher Furlong/Getty Images

    A Better British Story

    Despite all of the doom and gloom over the United Kingdom's impending withdrawal from the European Union, key manufacturing indicators are at their highest levels in four years, and the mood for investment may be improving. While parts of the UK are certainly weakening economically, others may finally be overcoming longstanding challenges.

  5. UK supermarket Waring Abbott/Getty Images

    The UK’s Multilateral Trade Future

    With Brexit looming, the UK has no choice but to redesign its future trading relationships. As a major producer of sophisticated components, its long-term trade strategy should focus on gaining deep and unfettered access to integrated cross-border supply chains – and that means adopting a multilateral approach.

  6. The Year Ahead 2018

    The world’s leading thinkers and policymakers examine what’s come apart in the past year, and anticipate what will define the year ahead.

    Order now