La discontinua integrazione finanziaria dell'Europa

LONDRA – I guai del Banco Espírito Santo portoghese, di cui si è fatto un gran parlare quest'estate, ci hanno ricordato che i problemi finanziari dell'eurozona non sono affatto risolti. Senza dubbio, vi sono questioni assai specifiche dietro le difficoltà in cui versa l'istituto, che derivano dalla sua esposizione ad altre parti dell'impero della famiglia Espírito Santo. Quando, però, la banca ha annunciato che le perdite del primo semestre ammontavano a 3,6 miliardi di euro (4,7 miliardi di dollari), l'improvviso crollo della fiducia ha fatto suonare un campanello d'allarme, inducendo investitori nervosi a chiedersi se altre bombe simili non siano sul punto di esplodere altrove.

Gli occhi di tutti sono ora puntati sull'Asset Quality Review, la revisione della qualità degli attivi della Banca centrale europea, che dovrebbe essere completata entro un paio di mesi. L'AQR è l'elemento chiave di una "valutazione globale" delle banche europee da effettuare prima che la Bce assuma formalmente, il prossimo novembre, il ruolo di supervisore di oltre l'80% del sistema bancario dell'eurozona.

Giustamente, la Bce vuole che tutti i potenziali orrori saltino fuori prima dell'inizio del suo nuovo incarico, in modo che non possa essergliene attribuita la responsabilità. Dal momento che i supervisori bancari, spesso inclini a dare un quadro roseo della situazione degli istituti del loro paese, non sono più responsabili, possiamo sperare che la valutazione sarà più robusta dei precedenti stress test condotti sotto la guida dell'Autorità bancaria europea (EBA). Tali test, a differenza del loro equivalente negli Stati Uniti, non sono riusciti a ripristinare la fiducia generale. Diverse banche che hanno superato l'esame a pieni voti sono state poi costrette a reperire nuovi capitali.

To continue reading, please log in or enter your email address.

Registration is quick and easy and requires only your email address. If you already have an account with us, please log in. Or subscribe now for unlimited access.

required

Log in

http://prosyn.org/fYo0MrH/it;
  1. China corruption Isaac Lawrence/Getty Images

    The Next Battle in China’s War on Corruption

    • Chinese President Xi Jinping knows well the threat that corruption poses to the authority of the Communist Party of China and the state it controls. 
    • But moving beyond Xi's anti-corruption purge to build robust and lasting anti-graft institutions will not be easy, owing to enduring opportunities for bureaucratic capture.
  2. Italy unemployed demonstration SalvatoreEsposito/Barcroftimages / Barcroft Media via Getty Images

    Putting Europe’s Long-Term Unemployed Back to Work

    Across the European Union, millions of people who are willing and able to work have been unemployed for a year or longer, at great cost to social cohesion and political stability. If the EU is serious about stopping the rise of populism, it will need to do more to ensure that labor markets are working for everyone.

  3. Latin America market Federico Parra/Getty Images

    A Belt and Road for the Americas?

    In a time of global uncertainty, a vision of “made in the Americas” prosperity provides a unifying agenda for the continent. If implemented, the US could reassert its historical leadership among a group of countries that share its fundamental values, as well as an interest in inclusive economic growth and rising living standards.

  4. Startup office Mladlen Antonov/Getty Images

    How Best to Promote Research and Development

    Clearly, there is something appealing about a start-up-based innovation strategy: it feels democratic, accessible, and so California. But it is definitely not the only way to boost research and development, or even the main way, and it is certainly not the way most major innovations in the US came about during the twentieth century.

  5. Trump Trade speech Bill Pugliano/Getty Images .

    Preparing for the Trump Trade Wars

    In the first 11 months of his presidency, Donald Trump has failed to back up his words – or tweets – with action on a variety of fronts. But the rest of the world's governments, and particularly those in Asia and Europe, would be mistaken to assume that he won't follow through on his promised "America First" trade agenda.