Paul Lachine

Come risolvere la crisi dell’euro

NEW YORK – La soluzione per la crisi dell’euro deve contemplare tre componenti principali: riforma e ricapitalizzazione del sistema bancario, un sistema di eurobond e un meccanismo di uscita.

Il primo componente è il sistema bancario. Il Trattato di Maastricht relativo all’Unione europea è stato ideato per affrontare solamente gli squilibri nel settore pubblico; ma, come abbiamo visto, gli eccessi del settore bancario si sono rivelati di gran lunga superiori. L’introduzione dell’euro ha scatenato un boom del settore immobiliare in paesi come Spagna e Irlanda. Le banche dell’Eurozona si sono indebitate fino al collo e sono state le più colpite dal collasso del 2008. Ora devono essere urgentemente protette dalla minaccia di insolvenza.

Il primo passo è stato quello di rivolgersi al Fondo europeo per la stabilizzazione finanziaria (European Financial Stability Facility), che è stato chiamato in causa per salvare banche e governi. Ora servono altri interventi. Bisogna aumentare in modo sostanzioso il capitale azionario delle banche. E se a garantire la solvibilità delle banche deve essere un’agenzia europea, questa deve altresì sorvegliare i medesimi istituti.

To continue reading, please log in or enter your email address.

To read this article from our archive, please log in or register now. After entering your email, you'll have access to two free articles from our archive every month. For unlimited access to Project Syndicate, subscribe now.

required

By proceeding, you agree to our Terms of Service and Privacy Policy, which describes the personal data we collect and how we use it.

Log in

http://prosyn.org/GqtvmOG/it;

Cookies and Privacy

We use cookies to improve your experience on our website. To find out more, read our updated cookie policy and privacy policy.