L'ora dell'inclusione finanziaria

KUALA LUMPUR – Aprire il sistema finanziario ai poveri del mondo può liberare il loro potenziale economico, migliorarne le condizioni di vita e giovare all'economia nel suo insieme: ecco perché, non a sorpresa, l'inclusione finanziaria dei poveri è ormai vista come una componente importante del processo di elaborazione delle politiche pubbliche. In tutto il mondo, banche centrali e agenzie di regolamentazione si stanno attivando affinché diventi una priorità, oltre a svolgere il loro tradizionale compito di mantenere la stabilità monetaria e finanziaria.

L'espressione "inclusione finanziaria" significa offrire ai 2,5 miliardi di individui meno abbienti e cosiddetti "non bancabili" l'opportunità di uscire dalla povertà e di entrare a far parte del sistema finanziario formale, partecipando così alla vita economica globale. Una maggiore apertura finanziaria è la premessa di una società più coesa e di una crescita e uno sviluppo più equilibrati.

Fra l'altro, l'essere più inclusivi e progressisti avvantaggia gli stessi sistemi finanziari. I nuovi consumatori che accedono al sistema finanziario formale, infatti, vanno a rafforzare le economie nazionali e, di conseguenza, ad arricchire l'economia globale. Di fatto, con i paesi in via di sviluppo avviati verso un livello di reddito medio, l'inclusione finanziaria è un fattore chiave per la continuità del progresso.

To continue reading, please log in or enter your email address.

To read this article from our archive, please log in or register now. After entering your email, you'll have access to two free articles from our archive every month. For unlimited access to Project Syndicate, subscribe now.

required

By proceeding, you agree to our Terms of Service and Privacy Policy, which describes the personal data we collect and how we use it.

Log in

http://prosyn.org/h3RlI1e/it;

Cookies and Privacy

We use cookies to improve your experience on our website. To find out more, read our updated cookie policy and privacy policy.