mazzucato48_SIMON MAINAAFP via Getty Images_covidvaccine Simon Maina/AFP via Getty Images

Il mondo sta ancora fallendo in termini di capacità di intervento e reazione alle pandemie

SHARM EL-SHEIKH – La pandemia di COVID-19 è una delle emergenze più mortali della storia moderna, con un numero di vittime globale di 14,9 milioni (e ancora in aumento). Ha spinto circa 100 milioni di persone nella povertà e ha rallentato i progressi verso gli obiettivi di sviluppo sostenibile del 2030, non ultimo l’SDG3: salute e benessere per tutti.

Nonostante gli enormi costi della pandemia, il G20 e le istituzioni finanziarie internazionali non hanno ancora creato un quadro di preparazione e risposta alla pandemia (PPR) in grado di gestire la prossima crisi sanitaria globale. In molti paesi viene tagliata (o mantenuta a un livello insufficiente) la spesa sanitaria e torna in auge l’austerità lanciata dal Fondo monetario internazionale. Entro il prossimo anno, l’85% della popolazione mondiale soffrirà gli effetti della riduzione degli investimenti nei servizi pubblici e della capacità del settore pubblico.

A soli due anni e mezzo dall’inizio della pandemia, la salute viene nuovamente inquadrata come una spesa discrezionale a breve termine, piuttosto che come un investimento a lungo termine fondamentale per il benessere economico e la resilienza. Spostando la loro attenzione su questioni come l’inflazione e l’insicurezza alimentare, i leader mondiali hanno dimenticato che le crisi economiche e finanziarie di oggi sono sottoprodotti di un’emergenza sanitaria globale che deve ancora essere risolta.

To continue reading, register now.

Subscribe now for unlimited access to everything PS has to offer.

Subscribe

As a registered user, you can enjoy more PS content every month – for free.

Register

https://prosyn.org/6NVWWdOit