Businessmans handing folded fifty euro notes Getty Images

Come dovrebbero spendere i loro soldi i cripto-ricchi?

LONDRA – A febbraio Forbes ha pubblicato il primo elenco dei miliardari delle criptovalute. I primi dieci avevano un valore individuale pari a circa 1 miliardo di dollari, mentre la ricchezza del più ricco, ovvero Chris Larsen un innovatore della blockchain, era stimata intorno agli 8 miliardi di dollari. Secondo il direttore della rivista, il modo migliore per far emergere dall’ombra le valute digitali e introdurle nella “fase giovanile di una delle categorie degli attivi” è far luce sui beneficiari.

Una volta fatto questo, i miliardari delle criptovalute diventati famosi, come molti altri prima di loro, vorranno dimostrare che sono persone generose e non solo ricche, e una delle migliori cause filantropiche da sostenere è la sanità nei paesi in via di sviluppo.

Qualche anno fa, quando stavo lavorando come consulente privato sulle strategie sanitarie, ho suggerito ai detentori di patrimoni ingenti e alle loro aziende in Sud Sudan, Gambia e Tanzania come investire al meglio nelle comunità dei luoghi in cui le loro aziende operavano. Questi investitori, che hanno quasi tutti beneficiato lautamente dai profitti dell’industria del petrolio, si sono trovati di fronte a una grande pressione sociale affinché utilizzassero la loro ricchezza per sostenere cause umanitarie.

To continue reading, please log in or enter your email address.

To access our archive, please log in or register now and read two articles from our archive every month for free. For unlimited access to our archive, as well as to the unrivaled analysis of PS On Point, subscribe now.

required

By proceeding, you agree to our Terms of Service and Privacy Policy, which describes the personal data we collect and how we use it.

Log in

Help make our reporting on global health and development issues stronger by answering a short survey.

Take Survey

http://prosyn.org/8f2AGuC/it;

Cookies and Privacy

We use cookies to improve your experience on our website. To find out more, read our updated cookie policy and privacy policy.