Gli obiettivi dell’Iran nel 2014

TEHERAN – Durante la mia campagna elettorale per diventare presidente dell’Iran ho promesso di bilanciare il realismo e il conseguimento degli ideali della Repubblica islamica – e ho ottenuto il supporto degli elettori iraniani con un ampio margine. In virtù del mandato popolare che ho ricevuto, intendo portare avanti il mio impegno a favore della moderazione e del buonsenso, che ora sta guidando tutte le politiche del mio governo. Questo impegno ha portato direttamente all’accordo internazionale provvisorio raggiunto a novembre a Ginevra sul programma nucleare dell’Iran. E continuerà a guidare le nostre decisioni nel 2014.

In effetti, in termini di politica estera, il mio governo sta abbandonando gli approcci estremi. Cerchiamo relazioni diplomatiche efficaci e costruttive e puntiamo a instaurare una fiducia reciproca con i paesi vicini e con altri soggetti regionali e internazionali, così consentendo di orientare la nostra politica estera verso lo sviluppo economico in patria. A tal scopo lavoreremo duramente per eliminare le tensioni nelle nostre relazioni estere e rafforzare i nostri legami con partner nuovi e tradizionali. Questo approccio richiede ovviamente consenso a livello nazionale e trasparenza degli obiettivi – due processi attualmente in corso.

Se da un lato eviteremo confronti e antagonismo, dall’altro perseguiremo attivamente i nostri interessi più ampi. Ma, considerato il mondo sempre più interconnesso e interdipendente, le sfide possono essere affrontare solo con l’interazione e con una cooperazione attiva tra stati. Nessun paese – incluse le grandi potenze – può affrontare da solo le sfide che incontra.

To continue reading, please log in or enter your email address.

Registration is quick and easy and requires only your email address. If you already have an account with us, please log in. Or subscribe now for unlimited access.

required

Log in

http://prosyn.org/FyIIVYh/it;