Crude verità sulla crescita globale

NEW YORK – I Paesi del mondo ad alto reddito versano in gravi difficoltà economiche, soprattutto sul fronte della crescita e dell’occupazione, e ora i loro problemi si stanno propagando alle economie in via di sviluppo. Quali fattori sottintendono ai problemi di oggi e quanto sono adeguate le probabili risposte politiche?

Il primo fattore chiave è il deleveraging e la conseguente carenza di domanda aggregata. Da quando è iniziata la crisi finanziaria nel 2008 diversi Paesi sviluppati, con una domanda a base di debiti e consumi eccessivi, hanno dovuto risanare sia i bilanci pubblici che privati, e ciò richiede del tempo, lasciandoli compromessi in termini di crescita e occupazione.

Il fronte non-tradable di qualsiasi economia avanzata è ampio (all’incirca due terzi dell’attività totale). Per questo ampio settore non esiste sostituto per la domanda domestica. Il lato tradable potrebbe comporre parte del deficit, ma non è abbastanza ampio da compensare totalmente. In linea di massima i governi potrebbero colmare la lacuna, ma gli elevati (e crescenti) debiti limitano la loro capacità ad agire in tal senso (anche se i termini di queste limitazioni sono oggetto di un accesso dibattito).

To continue reading, please log in or enter your email address.

To read this article from our archive, please log in or register now. After entering your email, you'll have access to two free articles every month. For unlimited access to Project Syndicate, subscribe now.

required

By proceeding, you agree to our Terms of Service and Privacy Policy, which describes the personal data we collect and how we use it.

Log in

http://prosyn.org/vLe7N8H/it;

Cookies and Privacy

We use cookies to improve your experience on our website. To find out more, read our updated cookie policy and privacy policy.