La spirale negativa dell'Italia

MONACO DI BAVIERA – L'Italia è alla terza recessione, il cosiddetto "triple-dip", ma non è arrivata a questo punto da sola. La prolungata flessione dell'economia, infatti, riflette l'incapacità dei leader italiani di affrontare la perdita di competitività del paese, un'incapacità che, tuttavia, è ampiamente diffusa in Europa.

Quando, nel quarto trimestre del 2007, è scoppiata la crisi finanziaria, il Pil dell'Italia è crollato del 7%, poi è risalito del 3%, è calato di nuovo del 5%, ha recuperato un misero 0,1% e di recente, durante la prima metà di quest'anno, è tornato a scendere, stavolta dello 0,3%. Nel complesso, il Pil italiano ha subito una contrazione del 9% negli ultimi sette anni.

Fra l'altro, la produzione industriale ha registrato uno sconcertante calo del 24%, ed è solo grazie a un'inflazione ostinata che il Pil nominale dell'Italia è riuscito a mantenersi costante. Il tasso di disoccupazione è arrivato al 12%, mentre quello dei giovani che smettono di studiare ha raggiunto il 44%.

To continue reading, please log in or enter your email address.

To continue reading, please log in or register now. After entering your email, you'll have access to two free articles every month. For unlimited access to Project Syndicate, subscribe now.

required

By proceeding, you are agreeing to our Terms and Conditions.

Log in

http://prosyn.org/9mv6KtH/it;

Cookies and Privacy

We use cookies to improve your experience on our website. To find out more, read our updated cookie policy and privacy policy.