baderschneider1_Jens Büttnerpicture alliance via Getty Images_green hydrogen Jens Büttner/picture alliance via Getty Images

L'imminente rivoluzione dell'idrogeno verde

WASHINGTON – Il cambiamento climatico indotto dagli uomini sta provocando danni diffusi e pericolosi con conseguenze negative sulle vite di miliardi di persone in tutto il mondo. Secondo il Pannello intergovernativo sul cambiamento climatico (IPCC), il mondo si troverà ad affrontare dei rischi importanti e inevitabili legati al clima nei prossimi vent’anni. Tuttavia, vista la media globale annuale di emissioni di gas serra, che hanno raggiunto il loro livello più elevato nella storia dell’uomo tra il 2010 e il 2019, è evidente che non stiamo facendo abbastanza per limitare l’aumento del riscaldamento globale a 1,5° Celsius.

Il rapporto dell’IPCC pubblicato ad aprile raccomanda di perseguire una rapida riduzione della domanda e dell’offerta mondiale di carburante fossile a partire da ora fino al 2050. Nello specifico, il rapporto suggerisce una riduzione del 95% di carbone, del 60% di petrolio e del 45% di gas. Ma come possiamo raggiungere questi obiettivi così ambiziosi?

La risposta è l’idrogeno verde che può essere prodotto tramite tutte le forme di energie rinnovabili, compresa l’energia solare, eolica, idrica e geotermica. L’idrogeno verde è un carburante a zero emissioni; infatti quando viene prodotto attraverso l’elettrolisi l’unica “emissione” è data dall’acqua. E’una soluzione pratica e attuabile che, rendendo l’energia più democratica, comportando la decarbonizzazione dell’industria pesante e creando lavoro a livello globale, aiuterebbe a rivoluzionare il modo in cui alimentiamo il nostro pianeta.

To continue reading, register now.

As a registered user, you can enjoy more PS content every month – for free.

Register

or

Subscribe now for unlimited access to everything PS has to offer.

https://prosyn.org/QCJTMsgit