La Grecia gioca per perdere

LONDRA – Il futuro dell’Europa ora dipende da qualcosa di apparentemente impossibile: la Grecia e la Germania devono raggiungere un accordo. Ciò che fa sembrare un tale accordo impossibile non è l’opposizione di principio dei due governi – la Grecia ha richiesto una riduzione del debito, mentre la Germania ha insistito sul fatto che non un euro del debito può essere cancellato  – ma qualcosa di più importante: se da un lato la Grecia è ovviamente la parte più debole in questo conflitto, dall’altro per lei la posta in gioco è molto più alta.

La teoria del gioco suggerisce che alcuni conflitti imprevedibili sono tra una parte debole, ma determinata e combattente e una controparte forte ma molto meno convinta. In questi scenari, l’esito più stabile tende a essere un pareggio in cui entrambi sono parzialmente soddisfatti.

In un confronto greco-tedesco, è semplice, almeno in teoria, progettare un gioco di questo tipo a somma positiva. Tutto ciò che dobbiamo fare è ignorare la retorica politica e focalizzarci sui risultati economici cui auspicano i protagonisti.

To continue reading, please log in or enter your email address.

To access our archive, please log in or register now and read two articles from our archive every month for free. For unlimited access to our archive, as well as to the unrivaled analysis of PS On Point, subscribe now.

required

By proceeding, you agree to our Terms of Service and Privacy Policy, which describes the personal data we collect and how we use it.

Log in

http://prosyn.org/4r16ZHn/it;

Cookies and Privacy

We use cookies to improve your experience on our website. To find out more, read our updated cookie policy and privacy policy.