Greek PM Alexis Tsipras European Parliament/Flickr

A stretto contatto con la crisi greca

BERLINO – Dai politici di oggi ci si aspetta che abbraccino le virtù dei grandi numeri, perseguano inesorabilmente la metrica quantistica e che quindi seguano la linea d’azione ottimale indicata da questi potenti strumenti. Eppure se c’è una cosa che ci ha chiaramente mostrato la crisi greca è l’importanza del fattore umano nelle trattative. Le persone, grazie alla propria personalità e al modo in cui si percepiscono a vicenda, possono far sembrare i piccoli debiti insormontabili o far sparire i grandi debiti con una stretta di mano.

In un mondo che si sente sempre più instabile, molti cercano sicurezza nella certezza fornita dai dati. La cerchiamo nel giornalismo. La cerchiamo nelle nostre decisioni di investimento. Cerchiamo persino oggetti in grado di contare ogni nostro passo e il battito del cuore. Vogliamo che il nostro benessere e il nostro futuro siano totalmente sotto il nostro controllo.

Ma la crisi finanziaria greca ci ricorda che la vita non è governata solo dai numeri. Alla fine, i risultati – come spesso accade – possono dipendere da qualità amorfe eppur essenziali quali integrità, affidabilità e “chimica” interpersonale.

To continue reading, please log in or enter your email address.

To access our archive, please log in or register now and read two articles from our archive every month for free. For unlimited access to our archive, as well as to the unrivaled analysis of PS On Point, subscribe now.

required

By proceeding, you agree to our Terms of Service and Privacy Policy, which describes the personal data we collect and how we use it.

Log in

http://prosyn.org/JzIKK8Y/it;

Cookies and Privacy

We use cookies to improve your experience on our website. To find out more, read our updated cookie policy and privacy policy.