Innovazione necessaria per i governi o si rischia la stagnazione

DUBAI – Le società, come le persone, invecchiano. Cominciano la loro attività piccole e desiderose di sopravvivere, spinte da energia giovane e idee nuove. Competono, si espandono, maturano e alla fine, salvo poche eccezioni, svaniscono nell’oscurità. Lo stesso vale per i governi: anche essi possono perdere la brama e l’ambizione della giovinezza e concedersi il lusso di accontentarsi.

Consideriamo questo dato: solo l’11% delle imprese inserite nella classifica Fortune 500 dal 1955 esiste ancora oggi, mentre in media il periodo in cui le società restano nella top 500 è sceso da 75 a 15 anni. In questo momento caratterizzato da rapidi cambiamenti, le aziende che non riescono a stare al passo perdono di importanza – in un attimo. I Paesi i cui governi invecchiano vanno incontro allo stesso destino delle società obsolete. La scelta è semplice: innovare o cadere nel dimenticatoio.

La gara per la competitività nazionale è accanita quanto lo è la competizione tra le società nel mercato. I Paesi competono per investimenti, talento, crescita e opportunità in un mondo globalizzato, e quelli che sono esclusi dalla gara perdono il premio più importante di tutti: sviluppo umano, prosperità e felicità delle persone.

To continue reading, please log in or enter your email address.

Registration is quick and easy and requires only your email address. If you already have an account with us, please log in. Or subscribe now for unlimited access.

required

Log in

http://prosyn.org/EYoRDGH/it;