3

La guerra per l’istruzione

LONDRA – Il rapimento di oltre 200 studentesse nel nord della Nigeria da parte del gruppo terroristico islamista Boko Haram è più che oltraggioso. Purtroppo è solo l’ultima battaglia della barbara guerra dichiarata contro il diritto fondamentale di tutti i bambini all’istruzione. Questa guerra è globale, come testimoniano anche i terribili avvenimenti in Pakistan, Afghanistan e Somalia.

In tutto il mondo ci sono stati 10.000 attacchi violenti a scuole e università negli ultimi quattro anni, secondo un report della Global Coalition to Protect Education from Attack. Le prove sono tanto evidenti quanto crudeli: 29 studenti uccisi dai sospettati militanti di Boko Haram nello stato nigeriano di Yobe all’inizio di quest’anno, studenti somali costretti ad arruolarsi, ragazzi musulmani attaccati dai nazionalisti di etnia burmese/buddista nel Myanmar, studentesse in Afghanistan e Pakistan colpite da bombe, armi da fuoco o avvelenate dai talebani contrari all’istruzione delle donne.

Erdogan

Whither Turkey?

Sinan Ülgen engages the views of Carl Bildt, Dani Rodrik, Marietje Schaake, and others on the future of one of the world’s most strategically important countries in the aftermath of July’s failed coup.

Non si tratta di casi isolati di bambini caduti vittime del fuoco incrociato; è ciò che accade quando le aule diventano gli obiettivi dei terroristi che vedono l’istruzione come una minaccia. (Letteralmente Boko Haram significa che l’istruzione “falsa” od “occidentale” è “vietata”.) In almeno 30 Paesi esiste uno schema concertato di attacchi da parte di gruppi armati, dove Afghanistan, Colombia, Pakistan, Somalia, Sudan e Siria sono i Paesi maggiormente colpiti.

Tali attacchi rivelano chiaramente che l’istruzione non è fatta solo di lavagne, libri e programmi. Le scuole di tutto il mondo, dal Nord America al nord della Nigeria, ora hanno bisogno di piani di sicurezza per garantire la sicurezza delle loro popolazioni e dare fiducia ai genitori e alle loro comunità.

Al World Economic Forum tenutosi questa settimana in Abuja, capitale della Nigeria, insieme ai partner della società civile e imprenditoriale, ho lanciato un programma per garantire la sicurezza personale degli studenti in quelle aree in cui le minacce sono reali e immediate. L’iniziativa “Safe Schools Initiative” combinerà piani relativi alle scuole a alle comunità con speciali misure di sicurezza per gli studenti che frequentano le 5.000 scuole primarie e secondarie nelle aree più vulnerabili.

Per ciascuna scuola, le misure includeranno un rafforzamento delle infrastrutture di sicurezza, la pianificazione e la risposta, il training per lo staff e la consulenza per studenti e membri della comunità. A livello di comunità saranno formati dei comitati per l’istruzione composti da genitori, insegnanti e volontari, insieme a speciali unità di difesa insegnati-studenti-genitori in grado di fornire una rapida risposta alle minacce.

L’esperienza di altri Paesi con minacce simili ha dimostrato che è cruciale ingaggiare formalmente leader religiosi per la promozione e la salvaguardia dell’istruzione. In Afghanistan, in collaborazione con le shuras e i comitati per la protezione, gli imam rispettati talvolta usano i sermoni del venerdì per sensibilizzare sull’importanza dell’istruzione nell’Islam.

A Peshawar, Pakistan, in un programma sostenuto dall’Unicef, gli eminenti leader musulmani hanno parlato dell’importanza dell’istruzione e del livello di scolarità. In Somalia, i leader religiosi sono andati in una radio pubblica nelle aree controllate dal governo e hanno visitato le scuole per sostenere la lotta contro il reclutamento di bambini soldato.

In Paesi come il Nepal e le Filippine, i negoziati guidati dalla comunità hanno contribuito a migliorare la sicurezza e a portare la politica fuori dalle aule. In alcune comunità, diversi gruppi politici ed etnici si sono riuniti e si sono accordati per sviluppare “Aree scolastiche sicure”. Hanno redatto e sottoscritto codici di condotta su ciò che è o non è consentito nelle scuole, per prevenire la violenza, la chiusura delle scuole e la politicizzazione dell’istruzione. In generale, le parti firmatari hanno tenuto fede agli impegni presi, aiutando le comunità a mantenere le scuole aperte, migliorare la sicurezza dei bambini e a rafforzare l’amministrazione scolastica.

Support Project Syndicate’s mission

Project Syndicate needs your help to provide readers everywhere equal access to the ideas and debates shaping their lives.

Learn more

Milioni di bambini sono tagliati fuori dalla scuola in tutto il mondo. Non si tratta solo di una crisi morale; è anche un’opportunità economica persa. In Africa, ad esempio, l’istruzione assume particolare rilevanza dal momento che sempre più economie del continente passano dall’estrazione delle risorse a un settore spinto dalla conoscenza. Garantire un ambiente sicuro per l’istruzione è il primo passo importante per risolvere la crisi globale dell’istruzione.

Traduzione di Simona Polverino