Istruzione senza confini

LONDRA – In occasione del terzo anniversario dall’inizio della guerra civile in Siria, c’è una corsa contro il tempo volta a offrire un progetto educativo innovativo per le vittime più colpite del conflitto: centinaia di migliaia di bambini rifugiati.

Un dato scioccante: tre milioni di bambini siriani sono ancora sfollati. Oltre un milione sono scappiati dalla Siria e languono nei campi dislocati in Paesi vicini, soprattutto Libano, Giordania e Turchia. Questi bambini stanno vivendo con sofferenza il loro terzo inverno lontano da casa, scuola e amici. Molti sono separati dalle famiglie, e migliaia si uniscono ogni giorno alle file degli sfollati in quella che sta diventando la più grande catastrofe umanitaria del nostro tempo.

Un’iniziativa innovativa, che è stata avviata in Libano e coinvolge insegnanti, agenzie per gli aiuti e associazioni di beneficienza che promuovono l’istruzione, ha però aperto un barlume di speranza. In mezzo al caos di campi, rifugi improvvisati e indigenza, è iniziata la lotta per un nuovo e importante principio legato agli aiuti internazionali: anche in tempi di conflitto, i bambini devono avere accesso all’istruzione.

To continue reading, please log in or enter your email address.

To read this article from our archive, please log in or register now. After entering your email, you'll have access to two free articles every month. For unlimited access to Project Syndicate, subscribe now.

required

By proceeding, you agree to our Terms of Service and Privacy Policy, which describes the personal data we collect and how we use it.

Log in

http://prosyn.org/ReXslhg/it;

Cookies and Privacy

We use cookies to improve your experience on our website. To find out more, read our updated cookie policy and privacy policy.