La crisi del dopo crisi

NEW YORK – Con la crisi dell’euro e lo “scoglio fiscale” dell’America in primo piano, è facile trascurare i problemi a lungo termine dell’economia. Tuttavia, mentre ci concentriamo sulle preoccupazioni immediate, queste problematiche continuano ad aggravarsi e ignorarle è a nostro rischio e pericolo.

Il problema più grave è il riscaldamento globale. Se da un lato la debole prestazione economica ha comportato un rallentamento dell’aumento delle emissioni di carbonio, dall’altro ciò rappresenta solo una breve proroga. Siamo infatti ben lontani da una svolta decisiva. A causa della nostra risposta lenta al cambiamento climatico, il raggiungimento del limite target di due gradi centigradi dell’aumento della temperatura globale richiederà infatti, in futuro, una riduzione ancor più consistente delle emissioni.

Alcuni suggeriscono che, a causa del rallentamento dell’economia, il riscaldamento globale dovrebbe essere messo in secondo piano. Per contro, riadattare l’economia globale al cambiamento climatico, aiuterebbe invece a rispristinare la domanda aggregata e la crescita.

To continue reading, please log in or enter your email address.

To read this article from our archive, please log in or register now. After entering your email, you'll have access to two free articles every month. For unlimited access to Project Syndicate, subscribe now.

required

By proceeding, you agree to our Terms of Service and Privacy Policy, which describes the personal data we collect and how we use it.

Log in

http://prosyn.org/Mj3uVQY/it;

Cookies and Privacy

We use cookies to improve your experience on our website. To find out more, read our updated cookie policy and privacy policy.