Doppio Plauso per il “New Normal”

JAKARTA – L’opinione corrente sullo stato dell’economia mondiale è più o meno la seguente: dall’inizio della crisi finanziaria del 2007-2008, il mondo sviluppato ha lottato per riprendersi, ma solo gli Stati Uniti sono stati in grado di recuperare. I paesi emergenti sono andati meglio, ma ultimamente anche loro hanno iniziato ad avere problemi. In un clima economico desolante - si sostiene - gli unici vincitori sono stati i ricchi, con conseguente disuguaglianza cresciuta a dismisura.

Questo scenario sembra perfettamente corretto - fino a quando, ad un più attento esame, si scopre che è completamente sbagliato.

Si inizia con la crescita economica. Secondo il Fondo Monetario Internazionale, nel corso del primo decennio di questo secolo, la crescita globale annua è stata in media del 3,7%, rispetto al 3,3% degli anni ottanta e novanta. Negli ultimi quattro anni, la crescita è stata in media del 3,4%. Questo dato è di gran lunga inferiore a quello da molti auspicato; nel 2010, avevo previsto che, nel decennio a venire, il mondo sarebbe potuto crescere a un tasso annuo del 4,1%. Ma il 3,4% è quasi catastrofico rispetto al passato.

To continue reading, please log in or enter your email address.

To continue reading, please log in or register now. After entering your email, you'll have access to two free articles every month. For unlimited access to Project Syndicate, subscribe now.

required

By proceeding, you are agreeing to our Terms and Conditions.

Log in

http://prosyn.org/Zal7SkH/it;

Cookies and Privacy

We use cookies to improve your experience on our website. To find out more, read our updated cookie policy and privacy policy.