11

Qual è il problema della Germania?

ROMA – L’Italia sarà anche “il grande malato” d’Europa, ma non è l’unico paese che ha bisogno di una medicina. Al contrario, anche un paese potente come la Germania sembra che stia per ammalarsi.

L’Italia è senza dubbio in grande difficoltà. Negli ultimi vent’anni la crescita del PIL annuale si è stabilizzata su una media dello 0,46% e il debito pubblico è aumentato gradualmente arrivando, ad oggi, ad un totale pari al 130% del PIL. La percentuale elevata della disoccupazione è rimasta stabile, mentre gli investimenti sono crollati e il settore bancario è in seria difficoltà.

Ugualmente preoccupante è il fatto che ci siano circa due milioni di donne in età fertile in meno dalla caduta del muro di Berlino nel 1989, mentre la percentuale di lavoratori attivi con una laurea rimane a dei livelli difficilmente comparabili con le altre economie avanzate.

Visto il contesto, non dovrebbe essere uno shock sapere che l’Italia e la Grecia, anch’essa martoriata dalla crisi, sono i paesi dell’eurozona con la peggiore prestazione economica negli ultimi tre anni in termini di crescita del PIL pro capite. E’ invece sorprendente che la Germania sia il terzo paese con la peggiore prestazione economica. Da un punto di vista fiscale, infatti, la Germania è solida ed ha una cospicua eccedenza di risparmio. E’ anche molto competitiva in termini di costo del lavoro per unità di produzione, registra il tasso più elevato di occupazione e trae vantaggio da un flusso costante di manodopera qualificata proveniente da altre parti d’Europa.