Paul Lachine

Fukushima, Test Nucleare in Europa

MADRID – Vista dall’ Europa, l’irrazionalità del discorso politico e mediatico sull’energia nucleare si è piuttosto rafforzata ed intensificata nel corso dell’anno dal momento del meltdown della centrale giapponese di Fukushima Daiichi. Tuttavia, una valutazione spassionata del posto dell’energia nucleare nel mondo rimane tanto necessaria quanto difficile.

Gli europei non dovrebbero pontificare sulla politica nucleare come se la loro opinione contasse in tutto il mondo, ma lo fanno comunque. D’altra parte, l’Europa detiene una riconosciuta responsabilità nel campo della sicurezza, dove è ancora in grado di promuovere un quadro normativo ed istituzionale internazionale che disciplini gli stati e porti ad una maggiore trasparenza nel caso siano implicati rischi globali come quelli dell’energia nucleare.

L’Europa è altrettanto responsabile dell’avanzamento della ricerca nel merito di tecnologie più sicure, in particolare riguardo alla tecnologia di una quarta generazione di reattori nucleari. Noi europei non possiamo permetterci il lusso di smantellare un settore industriale ad alto valore aggiunto in cui ancora abbiamo un reale vantaggio comparato.

To continue reading, please log in or enter your email address.

To read this article from our archive, please log in or register now. After entering your email, you'll have access to two free articles from our archive every month. For unlimited access to Project Syndicate, subscribe now.

required

By proceeding, you agree to our Terms of Service and Privacy Policy, which describes the personal data we collect and how we use it.

Log in

http://prosyn.org/YnGKdPm/it;

Cookies and Privacy

We use cookies to improve your experience on our website. To find out more, read our updated cookie policy and privacy policy.