Dalla Maledizione alla Benedizione delle Risorse

KAMPALA – Le nuove scoperte di risorse naturali in diversi paesi africani – tra cui il Ghana, l’Uganda, la Tanzania ed il Mozambico – sollevano un’importante domanda: Queste risorse impreviste saranno una benedizione che porta con sé prosperità e speranza, o una maledizione politica ed economica, come è avvenuto in moltissimi paesi?

In media, i paesi ricchi di risorse sono andati anche peggio rispetto ai paesi senza risorse. Sono cresciuti più lentamente, e con condizioni di disuguaglianza maggiori –esattamente l’opposto di quanto ci si aspetterebbe. Dopotutto, stabilire delle imposizioni fiscali sulle risorse naturali a tassi elevati non ne causerebbe la scomparsa, il che significa che i paesi, la cui maggiore fonte di reddito è rappresentata dalle risorse naturali, possono usare queste per finanziare l’istruzione, la sanità, lo sviluppo e la redistribuzione.

Si è sviluppata una vasta letteratura in campo economico ed in quello delle scienze politiche per spiegare questa “maledizione delle risorse”, e si sono costituite delle associazioni civili (come il Controllo delle Entrate e l’Iniziativa per la Trasparenza delle Industrie Estrattive) per tentare di contrastarla. Tre ingredienti economici della maledizione son ben noti:

To continue reading, please log in or enter your email address.

To read this article from our archive, please log in or register now. After entering your email, you'll have access to two free articles from our archive every month. For unlimited access to Project Syndicate, subscribe now.

required

By proceeding, you agree to our Terms of Service and Privacy Policy, which describes the personal data we collect and how we use it.

Log in

http://prosyn.org/YF5MgA5/it;

Cookies and Privacy

We use cookies to improve your experience on our website. To find out more, read our updated cookie policy and privacy policy.