Marine le pen Chesnot/Getty Images

Il Secondo “Anno dell’Europa”

NEW YORK – Più di quattro decenni fa, il consigliere americano per la Sicurezza Nazionale Henry Kissinger dichiarò il 1973 “Anno dell’Europa”. Il suo scopo era quello di evidenziare la necessità di rinnovare le relazioni transatlantiche e, più precisamente, la necessità di un maggiore impegno da parte degli alleati europei a fianco degli Stati Uniti in Medio Oriente e contro l’Unione Sovietica in Europa.

Kissinger sarebbe stato il primo ad ammettere che gli Europei non avevano raccolto la sua sfida. Ciò nonostante, ci troviamo nuovamente di fronte ad un “anno dell’Europa”. Questa volta, tuttavia, la spinta non proviene tanto da un governo USA in difficoltà quanto dall’interno dell’Europa stessa.

La posto in gioco è alta quanto quella del 1973, se non di più. La Russia non accenna a ritirarsi dalla Crimea o ad interrompere le azioni di destabilizzazione dell’Ucraina orientale. Esiste la concreta preoccupazione che la Russia possa utilizzare strategie analoghe contro uno o più dei piccoli paesi NATO che si trovano ai suoi confini.

To continue reading, please log in or enter your email address.

To read this article from our archive, please log in or register now. After entering your email, you'll have access to two free articles from our archive every month. For unlimited access to Project Syndicate, subscribe now.

required

By proceeding, you agree to our Terms of Service and Privacy Policy, which describes the personal data we collect and how we use it.

Log in

http://prosyn.org/wuDeS1E/it;

Cookies and Privacy

We use cookies to improve your experience on our website. To find out more, read our updated cookie policy and privacy policy.