16

Tregua o Riforme in Europa?

MILANO – Il primo turno delle elezioni francesi ha fatto registrare un esito molto vicino alle aspettative: il centrista Emmanuel Macron è risultato primo, con il 24% dei voti, battendo di un soffio Marine Le Pen del Fronte Nazionale di estrema destra che se n’è aggiudicata il 21,3%. Salvo un incidente politico come quello capitato al precedente leader conservatore, François Fillon, il 7 maggio Macron quasi certamente vincerà il secondo turno elettorale contro Le Pen. L’Unione Europea sembra al sicuro – per ora.

Con il “pro-UE” Macron che appare diretto verso l’Eliseo – i candidati dei partiti tradizionali di destra e sinistra che hanno perso al primo turno gli hanno già dichiarato il loro appoggio – la minaccia immediata per l’Unione Europea e la zona euro sembra essersi attenuata. Ma non è il momento di compiacersi. A meno che l’Europa non affronti i nodi dei modelli di crescita e non persegua riforme urgenti, i rischi a lungo termine per la sua sopravvivenza sono destinati quasi certamente ad aumentare.

Inoltre, come è stato spesso notato, le elezioni francesi, come altre votazioni di fondamentale importanza dello scorso anno, rappresentano un rifiuto dei partiti politici del tradizionale sistema di potere: il repubblicano Fillon è arrivato al terzo posto, con circa il 20% dei voti, e Benoît Hamon del Partito Socialista è risultato quinto, con meno del 6,5%. Mentre, Jean-Luc Mélenchon, euroscettico di estrema sinistra, si è aggiudicato il 19,5%, facendo attestare la quota totale degli elettori che hanno scelto candidati di partiti non tradizionali – Le Pen, Macron e Mélenchon – a quasi il 65%.

A differenza dei voti dello scorso anno per Brexit nel Regno Unito e per Donald Trump negli Stati Uniti, espressi da elettori della classe media e di mezza età, in Francia sono stati i giovani all’avanguardia nel rigettare l’establishment. Mélenchon, che finora si è rifiutato di esprimersi a favore di Macron nella seconda tornata elettorale, ha ricevuto circa il 27% dei voti da parte dei votanti con età compresa tra i 18 e i 34 anni. Le Pen è risultata la seconda candidata più popolare tra i giovani elettori, in particolare quelli meno istruiti.