Un piano europeo per Francia e Germania

PARIGI – L’Europa sta cadendo nella trappola della stagnazione. Con una crescita a malapena percepibile e un’inflazione pericolosamente bassa che causa un aumento del tasso di interesse reale, il peso del debito pubblico e privato è cresciuto in maniera esponenziale e molti temono che un altro “decennio perduto” sia alle porte. E, nonostante la minaccia di una frammentazione dell’Eurozona si sia affievolita, non è scomparsa del tutto. Considerato ciò, l’Europa sta perdendo la sua importanza sia all’interno che al di fuori dell’Eurozona.

Francia e Germania – che sono state alla guida dell’integrazione europea per oltre sessant’anni – non devono rassegnarsi a questa situazione. I due Paesi necessitano urgentemente di un piano comune e non di reciproche recriminazioni da parte dei sostenitori tedeschi dell’economia dell’offerta e dei sostenitori francesi dell’economia della domanda.

Riteniamo che tali controversie siano inutili. La lenta crescita della produttività è prima facie la dimostrazione di una carenza dell’offerta. La combinazione di elevata disoccupazione e calo dell’inflazione è prima facie la dimostrazione di un calo della domanda. I differenziali dei tassi di interesse all’interno della stessa area valutaria sono prima facie la dimostrazione  di una frammentazione. La verità è che l’Europa soffre di diversi mali.

To continue reading, please log in or enter your email address.

To access our archive, please log in or register now and read two articles from our archive every month for free. For unlimited access to our archive, as well as to the unrivaled analysis of PS On Point, subscribe now.

required

By proceeding, you agree to our Terms of Service and Privacy Policy, which describes the personal data we collect and how we use it.

Log in

http://prosyn.org/O5EHRnK/it;

Cookies and Privacy

We use cookies to improve your experience on our website. To find out more, read our updated cookie policy and privacy policy.