La reazione della Francia e dell’Olanda

BRUXELLES – Nel 2005, sia la Francia che l’Olanda hanno votato no ad un trattato costituzionale per l’Unione Europea, facendo deragliare anni di sforzi verso l’ integrazione. Sembra che i due paesi siano sul punto di sconvolgere l’Europa ancora una volta.

Lo scorso 21 aprile, è crollato il governo di coalizione olandese, dopo che la destra populista dei Geert Wilders ha rifiutato di approvare i tagli di spesa necessari per limitare il disavanzo di bilancio al 3% del PIL. Il giorno dopo, i candidati che sostenevano una inversione riguardo all’integrazione europea hanno catturato un terzo dei voti al primo turno delle elezioni presidenziali francesi. Il 6 maggio, è probabile che la Francia compia una svolta a sinistra ed elegga François Hollande, che mette in discussione il patto fiscale della UE di ispirazione tedesca, e chiede all’Europa una maggiore concentrazione sulla crescita.

Queste sono le prime schermaglie di un dibattito molto importante per l’Europa. Il dibattito ruota intorno a due questioni principali: austerità e integrazione.

To continue reading, please log in or enter your email address.

To access our archive, please log in or register now and read two articles from our archive every month for free. For unlimited access to our archive, as well as to the unrivaled analysis of PS On Point, subscribe now.

required

By proceeding, you agree to our Terms of Service and Privacy Policy, which describes the personal data we collect and how we use it.

Log in

http://prosyn.org/cKvyqUG/it;

Cookies and Privacy

We use cookies to improve your experience on our website. To find out more, read our updated cookie policy and privacy policy.