Industrial chimneys.

La follia dei combustibili fossili

BERLINO – Se il mondo vuole evitare la catastrofe climatica, dovrà rinunciare a bruciare quasi il 90 per cento delle riserve accertate di carbone, più di un terzo delle riserve di petrolio e la metà delle riserve di gas naturale. Ma invece di attuare politiche volte a realizzare tale obiettivo, i governi continuano non solo a sovvenzionare l’industria dei combustibili fossili, ma anche ad utilizzare le scarse risorse pubbliche per trovare nuove riserve. Tutto ciò deve cambiare, e in fretta.

Nel tentativo di contribuire a promuovere questo cambiamento, la Heinrich Böll Foundation e Friends of the Earth International hanno messo insieme alcuni dati importanti sull’industria carboniera nell’appena pubblicato Coal Atlas. Le cifre sono impressionanti.

Secondo il Fondo monetario internazionale, quest’anno i sussidi per il carbone (compreso il danno ambientale) hanno raggiunto il 3,9 per cento del Pil globale. I governi del G-20 hanno stimato di spendere 88 miliardi di dollari all’anno in sussidi dedicati all’esplorazione di nuovi combustibili fossili. E secondo un recente report stilato da Natural Resources Defense Council, Oil Change International e World Wide Fund for Nature, tra il 2007 e il 2014 i governi avrebbero incanalato oltre 73 miliardi di dollari – oltre 9 miliardi di dollari l’anno – di denaro pubblico verso progetti per il carbone. In prima linea compaiono Giappone (20 miliardi), Cina (circa 15 miliardi), Corea del Sud (7 miliardi) e Germania (6,8 miliardi).

To continue reading, please log in or enter your email address.

Registration is quick and easy and requires only your email address. If you already have an account with us, please log in. Or subscribe now for unlimited access.

required

Log in

http://prosyn.org/IATi3Nd/it;