Paul Lachine

Cinque passi in avanti nel 2011

MILANO – Il peggio della crisi economico-finanziaria sembra essere passato. I mercati finanziari hanno registrato performance piuttosto positive nel 2010. La crescita è ripartita negli Stati Uniti e in alcune parti d’Europa. La riduzione del debito privato è proseguita, ma è stata controbilanciata dall’aumento dei deficit pubblici e dei debiti sovrani. Anche la crescita dei mercati emergenti è tornata ai livelli pre-crisi e sembra sostenibile, sorretta da politiche non convenzionali, destinate a “sterilizzare” massicci afflussi di capitale.

Tuttavia, i mercati emergenti continueranno a crescere solo se si eviterà una seconda fase discendente nelle economie avanzate, che continuano ad assorbire un’ampia (se pur calante) percentuale delle loro esportazioni. Una crescita lenta è gestibile, una crescita negativa non lo è.

Di conseguenza, per le economie emergenti, i rischi di ricaduta dei paesi avanzati e le esternalità delle loro politiche di ripresa destano molta preoccupazione. In numerosi paesi avanzati, inclusi gli Usa, le prospettive di crescita e occupazione stanno iniziando a divergere ampiamente, mettendo a rischio la coesione sociale e l’apertura economica.

We hope you're enjoying Project Syndicate.

To continue reading, subscribe now.

Subscribe

Get unlimited access to PS premium content, including in-depth commentaries, book reviews, exclusive interviews, On Point, the Big Picture, the PS Archive, and our annual year-ahead magazine.

http://prosyn.org/0XipfQ0/it;

Cookies and Privacy

We use cookies to improve your experience on our website. To find out more, read our updated cookie policy and privacy policy.