Paul Lachine

Cinque passi in avanti nel 2011

MILANO – Il peggio della crisi economico-finanziaria sembra essere passato. I mercati finanziari hanno registrato performance piuttosto positive nel 2010. La crescita è ripartita negli Stati Uniti e in alcune parti d’Europa. La riduzione del debito privato è proseguita, ma è stata controbilanciata dall’aumento dei deficit pubblici e dei debiti sovrani. Anche la crescita dei mercati emergenti è tornata ai livelli pre-crisi e sembra sostenibile, sorretta da politiche non convenzionali, destinate a “sterilizzare” massicci afflussi di capitale.

Tuttavia, i mercati emergenti continueranno a crescere solo se si eviterà una seconda fase discendente nelle economie avanzate, che continuano ad assorbire un’ampia (se pur calante) percentuale delle loro esportazioni. Una crescita lenta è gestibile, una crescita negativa non lo è.

Di conseguenza, per le economie emergenti, i rischi di ricaduta dei paesi avanzati e le esternalità delle loro politiche di ripresa destano molta preoccupazione. In numerosi paesi avanzati, inclusi gli Usa, le prospettive di crescita e occupazione stanno iniziando a divergere ampiamente, mettendo a rischio la coesione sociale e l’apertura economica.

To continue reading, please log in or enter your email address.

To access our archive, please log in or register now and read two articles from our archive every month for free. For unlimited access to our archive, as well as to the unrivaled analysis of PS On Point, subscribe now.

required

By proceeding, you agree to our Terms of Service and Privacy Policy, which describes the personal data we collect and how we use it.

Log in

http://prosyn.org/0XipfQ0/it;

Cookies and Privacy

We use cookies to improve your experience on our website. To find out more, read our updated cookie policy and privacy policy.