Cinque imperativi per il G20

NEW YORK – Le economie del mondo stanno diventando più interdipendenti che mai, ma il nazionalismo economico, il protezionismo e le politiche del tipo «beggar-thy-neighbor» stanno mettendo in pericolo i legami di fiducia e cooperazione di cui necessita un’economia realmente globalizzata.

Per evitare un’altra recessione o qualcosa di peggio, i leader delle 20 nazioni più ricche al mondo devono agire attivamente durante il vertice del G20 di Seul, per promuovere un ampio piano d’azione volto a una crescita globale più bilanciata, equa e sostenibile, e per verificare la reale messa in atto delle decisioni prese.

Sono cinque i principi che dovrebbero guidare il loro operato. Il primo: contrastare attivamente il miope interesse personale, pur dovendo annullare le differenze relative alle politiche commerciali ed economiche. È necessario tenere a freno rispettivamente l’eccessivo surplus di alcuni paesi e l’eccessivo debito di altri, alimentati da valute sottovalutate e dalla sfrenata spesa dei governi. I paesi devono impegnarsi a non trattenere, per ragioni politiche, le esportazioni delle principali risorse naturali e devono fare tutto il possibile per mantenere e favorire l’apertura dei mercati in base a principi di reciprocità e di sostenibilità a lungo termine.

To continue reading, please log in or enter your email address.

To continue reading, please log in or register now. After entering your email, you'll have access to two free articles every month. For unlimited access to Project Syndicate, subscribe now.

required

By proceeding, you are agreeing to our Terms and Conditions.

Log in

http://prosyn.org/MeWZiXr/it;

Cookies and Privacy

We use cookies to improve your experience on our website. To find out more, read our updated cookie policy and privacy policy.