Sepp Blatter Andreas Meier/ZumaPress

Sindrome FIFA

LONDRA – Negli ultimi giorni ha fatto notizia l'arresto di alcuni dirigenti della FIFA con l’accusa di frode e corruzione. I capi d’imputazione formulati dalle autorità svizzere e americane, però, riguardano perlopiù reati di corruzione e appropriazione indebita e non menzionano un'altra enorme ingiustizia, quella concernente le pessime condizioni di lavoro a cui sono sottoposti i lavoratori migranti impegnati nella costruzione degli stadi per i mondiali di calcio FIFA 2022 in Qatar.

Amnesty International ha recentemente stilato un rapporto sulle condizioni di lavoro nel paese, dove i cantieri sono poco sicuri, gli operai subiscono le condizioni imposte da agenzie di collocamento senza scrupoli e hanno scarse possibilità di ricorrere alla giustizia formale. Di recente, il ministro del lavoro del Nepal ha rivelato che il governo del Qatar ha negato ai lavoratori nepalesi presenti sul suo territorio la possibilità di tornare a casa per piangere i familiari morti durante il terremoto dello scorso aprile. 

Come sottolinea Amnesty, la responsabilità di questa situazione è soprattutto delle autorità del Qatar. La FIFA, però, ha avuto – e ha tuttora – la possibilità d'intervenire. Anche gli sponsor, tra cui McDonalds, Visa, Coca-Cola, Adidas, Budweiser, Gazprom, KIA e Hyunday, sono stati invitati a fare pressioni sulla FIFA e sul governo del Qatar per migliorare le condizioni di questi lavoratori stranieri. 

To continue reading, please log in or enter your email address.

To access our archive, please log in or register now and read two articles from our archive every month for free. For unlimited access to our archive, as well as to the unrivaled analysis of PS On Point, subscribe now.

required

By proceeding, you agree to our Terms of Service and Privacy Policy, which describes the personal data we collect and how we use it.

Log in

http://prosyn.org/HD184Zi/it;

Cookies and Privacy

We use cookies to improve your experience on our website. To find out more, read our updated cookie policy and privacy policy.