La Fuga della Federal Reserve da New York

WASHINGTON, DC – La Federal Reserve degli Stati Uniti è la più importante banca centrale del mondo. Le sue decisioni in merito a tassi di interesse e regolamentazione finanziaria si ripercuotono attraverso i mercati globali e condizionano milioni di vite. Eppure la struttura della sua governance è di un’altra epoca - antiquata, sempre più problematica, e con urgente bisogno di una ragionevole riforma.

La Fed ha fatto grandi errori nel periodo precedente la crisi economica mondiale del 2007-2008, in particolare con l’adozione di un approccio lassista riguardo alla vigilanza sulle istituzioni finanziarie principali, e consentendo che alcune grandi banche diventassero estremamente fragili. In una delle più grandi beffe della politica americana moderna, la riforma finanziaria Dodd-Frank del 2010, successiva alla crisi, in realtà ha dato un potere maggiore alla Fed, soprattutto perché si è considerato che le altre agenzie di regolamentazione americane svolgessero un lavoro peggiore.

In considerazione dei risultati decisamente contrastanti della Fed dall’avvio della riforma Dodd-Frank, alcuni funzionari hanno evidentemente considerato quelle inadempienze del Congresso come un mandato per andare avanti come al solito. Di recente la stampa ha messo un luce le carenze in materia di vigilanza, in particolare per quanto riguarda la Federal Reserve Bank di New York - una delle 12 banche regionali del sistema Fed, che ha anche un consiglio di amministrazione a Washington, DC.

To continue reading, please log in or enter your email address.

To read this article from our archive, please log in or register now. After entering your email, you'll have access to two free articles every month. For unlimited access to Project Syndicate, subscribe now.

required

By proceeding, you agree to our Terms of Service and Privacy Policy, which describes the personal data we collect and how we use it.

Log in

http://prosyn.org/cgx0GOm/it;

Cookies and Privacy

We use cookies to improve your experience on our website. To find out more, read our updated cookie policy and privacy policy.