Imperizia

NEW HAVEN – L’economia americana sta ricevendo la medicina sbagliata. I policy maker hanno sbagliato diagnosi e hanno prescritto una medicina sperimentale, di efficacia non testata e con effetti collaterali potenzialmente gravi.

Il paziente è il consumatore americano, di certo il più grande consumatore del mondo, ma ora debilitato dalla peggiore crisi mai vissuta dalla Grande Depressione. I recenti dati sulla spesa al consumo negli Stati Uniti sono terribili. La crescita della spesa americana dedicata ai consumi personali depurata dell’inflazione è stata rivista al ribasso all’1,5% nel secondo trimestre del 2012 e sembra essere sulla buona strada per un aumento parimenti anemico per il terzo trimestre.

La notizia peggiore è che questi numeri sono solo gli ultimi di una tendenza che va avanti da quattro anni e mezzo. Dal primo trimestre del 2008 fino al secondo trimestre del 2012 la crescita annua della spesa reale per i consumi ha registrato una media di appena 0,7% – dato tanto più straordinario se raffrontato al trend pre-crisi pari al 3,6% alla fine del 2007.

To continue reading, please log in or enter your email address.

To read this article from our archive, please log in or register now. After entering your email, you'll have access to two free articles every month. For unlimited access to Project Syndicate, subscribe now.

required

By proceeding, you are agreeing to our Terms and Conditions.

Log in

http://prosyn.org/IFVBvfQ/it;

Cookies and Privacy

We use cookies to improve your experience on our website. To find out more, read our updated cookie policy and privacy policy.