La Fed tende un'altra trappola

NEW HAVEN – La Federal Reserve ha intrapreso un percorso già noto ed estremamente pericoloso. Rinnegando ostinatamente gli errori del passato, sta adottando lo stesso approccio incrementale che contribuì a innescare la crisi finanziaria del 2008-2009. Le conseguenze di questo comportamento potrebbero essere altrettanto catastrofiche.

Prendiamo la riunione di dicembre del Federal Open Market Committee (FOMC), dove il dibattito sull'aumento del tasso di riferimento sui fondi federali è stato caratterizzato da una profusione di aggettivi anziché da azioni precise.

In linea con la precedente forward guidance, secondo cui il tasso ufficiale doveva mantenersi prossimo allo zero per un periodo di tempo "considerevole" dopo la sospensione dell'acquisto di attività a lungo termine da parte della Fed nel mese di ottobre, il FOMC ha dichiarato che ora può permettersi di "essere paziente" in attesa che si verifichino le condizioni favorevoli all'incremento del tasso. Aggiungendo la dichiarazione del presidente della Fed Janet Yellen che tale innalzamento non potrà avvenire prima di almeno due riunioni del comitato, la Fed sembra lasciar intendere che il cammino verso la normalizzazione sarà lungo.

To continue reading, please log in or enter your email address.

To access our archive, please log in or register now and read two articles from our archive every month for free. For unlimited access to our archive, as well as to the unrivaled analysis of PS On Point, subscribe now.

required

By proceeding, you agree to our Terms of Service and Privacy Policy, which describes the personal data we collect and how we use it.

Log in

http://prosyn.org/iMHaUYw/it;

Cookies and Privacy

We use cookies to improve your experience on our website. To find out more, read our updated cookie policy and privacy policy.